Omegaverse: questa oscura materia

In vista della convention FicsIT, organizzata da Fanheart3 per il 3 Giugno venturo, vorrei parlare e spezzare qualche lancia a favore delle Omegaverse, un genere/AU che dai miei sondaggi risulta tra i più “antipatici”.

I gusti sono gusti, poco da discuterci, ma ci sono miti, falsi miti e pregiudizi che si potrebbero, se non sfatare, quantomeno ammorbidire un po’. A questo proposito tra qualche riga vi lascerò un intervento lucido e diretto a cura di Mapi Peacecraft che, tra i diversi articoli letti riguardanti l’argomento, ho trovato esaustivo nel trattare in maniera generale il soggetto, oltre che privo di abbellimenti “per far piacere”. Buona lettura!

Premessa prima di lasciarvi: per chi è proprio a digiuno sul tema Omegaverse e non ha idea di cosa sia, è un argomento che per buona parte tratta tematiche sessuali. Il tutto rimane a livello di “inventiva fantasiosa”, anche nelle caratteristiche descrittive di apparati riproduttivi, zone erogene e simili.

 

Ciao! \o\ La prima regola dell’Omegaverse è che (non si parla dell’Omegaverse) (ok shut up mapi) nell’Omegaverse non ci sono regole, solo “linee guida” che possono essere seguite, ignorate, modificate, distorte a seconda dei gusti e delle esigenze di trama di ognuno, perciò se qualcuno salta su a dire che l’Omegaverse è fatto “così colì e cosà” mente e vuole spacciare i suoi headcanon come verità assoluta e a noi (cioè a me) queste persone non piacciono. Ugh.

L’Omegaverse si basa sull’idea che gli esseri umani sono divisi, oltre che tra maschi/femmine(/genderfluid/transgender/genderqueer, ma per amor di semplicità ci limitiamo a citare i due generi tradizionali) anche in Alfa, Beta e Omega – quindi avremmo maschi e femmine Alfa, maschi e femmine Beta e maschi e femmine Omega.

Sebbene tutto ciò ricordi vagamente le strutture dei branchi dei lupi, e in un certo qual modo se ne ispira, almeno per il concetto di base, l’Omegaverse non ha poi un bel niente a che spartire con le attuali dinamiche dei lupi – a meno che ovviamente un autore non voglia farlo, ma qui si divaga. XD

Gli Alfa sono, di solito, in cima alla struttura sociale. Sono fisicamente più forti e occupano quei ruoli che nelle nostre società sono più tradizionalmente “maschili” (yaycks such sexist very mysoginistic wow). Generalmente gli Alfa hanno un’indole più dominante, aggressiva e la tendenza ad essere molto protettivi quando si tratta dei loro Omega e/o del loro branco. Gli Alfa come detto sono sia maschi che femmine e il loro scopo nella vita è accoppiarsi con gli Omega e ingravidarli. In alcuni verse hanno un nodo alla base del pene che, come quello dei cani (I know) si allarga durante la penetrazione e tiene i due legati fino a dopo l’eiaculazione; a volte molto dopo (did you say cuddle while knotted? Yes. So cute). Sono anche estremamente ricettivi per quello che riguarda i feromoni emanati dagli Omega e sanno quando l’Omega è in calore. A discrezione dell’autore si trovano verse in cui le femmine Alfa possono o non possono partorire e possono o non possono mettere incinta gli Omega. In alcuni casi possono fare entrambe le cose e in altri nessuna delle due, oppure solo una, a seconda, sta proprio alla scelta di ciascun autore. A volte anche gli Alfa hanno una sorta di “calore”, cioè un momento in cui esiste l’imperativo di accoppiarsi, ma non è molto comune, ed è anche vero che generalmente quando gli Alfa sentono l’odore di un Omega in calore non capiscono più niente ed entrano anche loro, in un certo senso, in uno stato di calore.

I Beta sono quelli che definiresti degli Esseri Umani Normali e ci sono autori che neanche li includono nei loro verse… Generalmente non riescono a sentire lo scambio di feromoni tra Alfa e Omega, o lo sentono molto poco, e non sono in grado di emettere feromoni. Per indole sono meno proni a seguire gli istinti. Generalmente i maschi Beta sono in grado di ingravidare e le femmine di partorire. In alcuni verse sono meno fertili degli Alfa e degli Omega, ma anche qui sta all’autore e/o alle esigenze di trama.

Gli Omega (♥♥♥♥) sono generalmente alla base della struttura sociale e il loro scopo nella vita è quello di farsi ingravidare e mettere al mondo vagonate di figli. Generalmente hanno un’indole passiva e sottomessa e sono molto dipendenti dai loro Alfa (e tu puoi sentire fin da qui l’odore di tutte le fic che “X non era un Omega come gli altri, non aveva intenzione di sottomettersi al primo Alfa e passare la vita a farsi montare e sformare figli”. È il sale della nostra vita. We crave that mineral). Gli Omega vanno in calore e a seconda del verse può capitare ogni mese, ogni tre mesi, una volta l’anno, oppure può succedere all’improvviso quando incontrano e sentono per la prima volta l’odore del loro Compagno Ideale, yadda yadda, a seconda dei gusti e delle esigenze di trama. Il calore è un momento in cui gli Omega hanno il disperato bisogno di essere scopati, preferibilmente da un Alfa, e per fare ciò gli Omega maschi producono naturalmente una sostanza lubrificante per cui non serve nemmeno la preparazione. (Lubricated ass, noi abbiamo quello che nelle vostre fic normali voi schifate! \o\) A volte gli Omega assumono dei “sopressori”, vale a dire dei medicinali che impediscono al calore di venire, o nel limitano gli effetti. A volte quando gli Omega sono vicini al calore fanno dei “nidi” per sé e per i propri Alfa, dove poter star bene, belli comodi, e scopare come il Dio dell’ABO comanda. \o\

Durante il calore è più probabile che gli Omega rimangano incinti, e questo vale sia per i maschi che, ovviamente, per le femmine. Gli Omega maschi possono, in certi verse, mettere a loro volta incinta la loro compagna fem!Alfa. Dipende tutto dagli autori, yeps.

In alcuni verse (quasi sempre, in realtà) c’è il concetto del “legame” tra Alfa e Omega, che generalmente avviene tramite uno (o più) morsi sul collo dell’Omega mentre i due si stanno accoppiando durante il calore, e questo “legame” è quasi sempre considerato valido a tutti gli effetti (come un matrimonio) e indissolubile. Il legame può essere percepito nell’odore dell’Omega, che porterà tracce di quello del suo Alfa e sarà perciò meno desiderabile per altri Alfa. Varia da verse a verse, comunque.

Queste sono più o meno delle linee guida, e come detto si può prendere ogni cosa e cambiarla e stravolgerla: vuoi un verse dove gli Omega sono al comando e gli Alfa sono considerati bestie senza logica buoni solo a scopare? Be my guest! Oppure vuoi che i Beta siano gli umani più comuni e gli Alfa/Omega dei freaks genetici? Siamo qui per questo. Accoppiare Alfa/Alfa, Omega/Omega, Beta/Alfa o Beta/Omega? Why not! Vuoi che un rapporto tradizionale si basi non su una coppia Alfa/Omega ma su un triangolo Alfa/Beta/Omega? Sì, ti prego, ci sono troppe poche fic così! Le potenzialità sono infinite, e anche se questo verse nasceva principalmente per il porn si possono passare le ere a fare worldbuilding, ed è una cosa meravigliosa secondo me.

Quindi, ecco, per cominciare questo papiro mi sembra abbastanza. XD Poi se hai domande, perplessità, idee, o vuoi condividere headcanon, io sono qua! Non so se si capisce, ma amo l’Omegaverse, ne parlerei per giornate. *^*

L’Omegaverse non è un genere facile da affrontare se ci si lascia abbagliare dalle premesse che urlano “contro natura”, “mpreg”, “scusa banale per far accoppiare due personaggi come animali” o “far rimanere incinta qualcuno”, che sono anche i commenti più carini che ho trovato a riguardo.

Essendo un genere senza un canone prefissato se non quello del secondo genere dei personaggi, in realtà dà davvero tanto spazio all’inventiva.

Si può scrivere un’Omegaverse partendo da un Worldbulding che tenga conto di come la società si sia potuta evolvere da dinamiche Alpha/Beta/Omega (per esempio, come sarebbe considerata l’omosessualità/omofobia?), oppure scrivere dei rapporti interpersonali senza neanche sfiorare la sfera sessuale.
Si potrebbe riarrangiare una storia partendo dalla base del film Junior con Arnold Schwarzenegger e Danny DeVito, o ancora, mi è capitato di leggere fanfic basate sul reale e sulla rivendicazione dei diritti degli Omega nella società, visto che le premesse potrebbero vederli come “l’ultima ruota del carro” se non proprio vittime di “”razzismo””. Eppure ci sono anche quelle storie dove gli Omega non si fanno mettere i piedi in testa da nessuno, anche nei loro momenti di “debolezza”. Di tutto e di più.

È un tipo di genere/AU “applicabile”, un canon divergence per certi versi, che permette di rimanere nel filone originale della serie da cui si parte, semplicemente aggiungendo il secondo genere.
In sé può portare molta introspezione, essendo a tutti gli effetti qualcosa di “intimo” del personaggio, quindi giocoforza può approfondire la caratterizzazione, il legame con gli altri personaggi, con la vicenda vissuta, varie ed eventuali.

È anche vero che l’Omegaverse può essere un ottimo modo per scrivere, talvolta sfogare, la voglia di una porn without plot essenzialmente zozza e priva di grandi fronzoli, rendendola più animalesca di quella che potrebbe essere la descrizione di una scena NSFW, ma può anche non essere semplicemente questo. Tutto, come sempre, come ogni cosa, sta alla penna e alla testa dell’autore e da come gli giri quel giorno di scrivere.
Kink? Kink.

Per riprendere Mapi Peacecraft qui sopra, non ci sono regole, a parte quelle che decidete voi per la storia.

L’Omegaverse è un prodotto dei fan ai fan (oltre fanfic/fanart si possono trovare manga/doujinshi con questa tematica, non so se qualcos’altro?), senza pretese che debbano essere seguite pedissequamente, ma anzi, dando davvero largo spazio all’immaginazione, una volta passati oltre “la prima impressione” e, in caso, il pregiudizio o le “brutte esperienze” di lettura che potrebbero essere capitate con storie non ben articolate.
Buttatevi! Sfidatevi a provare qualcosa di nuovo, stando alle vostre regole 😉

 

Per concludere, girando il web di articoli e informazioni sull’Omegaverse se ne trovano. Vi lascio qualche link interessante a cui rifarsi per approfondimenti:

Annunci

4 pensieri su “Omegaverse: questa oscura materia

  1. Non ho mai scritto OmegaVerse, ma nonostante schifi come la morte l’argomento “mpreg” (che se di solito è fra i tag evito), ammetto che questo genere di storia mi piace molto e permette una bella costruzione del world building. Per fare un esempio pratico mi viene in mente la serie “A Most Unexpected Man” su AO3, dedicata a Mass Effect.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...