Un’infarinatura di Fantascienza

Questa domenica daremo il via a un altro contest (Sci-fi Enterprise | Non è mai troppo TARDIS), di nuovo e felicemente in collaborazione con La Torre di Carta!

In attesa, Alexiel Mihawk ha riassunto in un breve articolo alcuni dei generi principali legati allo Sci-Fi (science fiction). 

 

Si definisce fantascienza come genere, una storia che ha un focus sulla tecnologia o sulla scienza e l’impatto che questa ha sulla vita dell’uomo e sulla società.

L’ambientazione per sé non è importante, può essere sia nel futuro che nel passato, nello spazio, sulla terra, in un universo reale o immaginario, l’importante è che queste tecnologie, queste scienze focus della storia abbiano una base credibile, reale, effettivamente scientifica.
Si può certo spaziare con la fantasia, inventare cose che non sono plausibili, purché rimanga una base anche minima di credibilità scientifica.

Ora, i sottogeneri sono tantissimi e spesso un neofita può fare confusione proprio perché a) sono tanti, b) la differenza tra un genere e l’altro a volte è minima c) ci sono opere che talvolta possono essere afferenti a più di un filone.

1. hard science fiction – le storie di questo filone si caratterizzano per l’estrema accuratezza scientifica; le descrizioni delle tecnologie e l’impatto che hanno sulla società sono descritte in modo curato e credibile. Hanno basi spesso reali e l’impatto sociale è basato su parallelismi effettivi. Prendi Solaris di Stanislaw Lem, prendi la serie di Gundam che si basa su conoscenze di robotica e idraulica, o 2001 Odissea nello Spazio o Ventimila Leghe sotto i Mari, Westworld, Person of Interest, ecc.

2. soft science fiction – contrapposto al precedente, si basa non su scienze dure e pure – fisica, astronomia, matematica – ma sulle cosiddette scienze molli, ovvero scienze sociali alla base di studi antropologici, sociali. Si tratta di fantascienza vera e propria in ogni caso e il termine soft non toglie nulla al concetto di base. Parliamo di 1984 di Orwell, della saga di Dune, di molti romanzi della Le Guin, Frankestein di Mary Shelley, così come molte serie di fantascienza ricadono sotto questo filone da Star Trek a Stargate, da Firefly a Doctor Who.

A questi due filoni principali ne sono poi seguiti molti altri che elenco brevemente:
1. Fantascienza apocalittica e post apocalittica – il nome è abbastanza self explanatory, si parla di storie di fantascienza incentrate su temi apocalittici e post apocalittici, dagli zombie alle invasioni aliene. Esempi lampanti sono La guerra dei mondi, La macchina del tempo, Il pianeta delle scimmie, Mad Max, Terminator, The Walking Dead.
2. Space opera – uno dei generi preferiti ambientato nello spazio, corredato da viaggi spaziali, battaglie nello spazio e avventure nell’universo profondo. Capitan Harlock, Green Lantern, Voltron, Mass Effect, ma anche Gundam o Star Trek ne fanno parte (sempre per il discorso che non è mai un solo genere di fantascienza) o anche Star Wars.
3. Cyberpunk – sono storie che hanno come base o ambientazione internet e il cyberspazio, tipo Il Neuromante di Gibson, Ghost in the Shell, Mr Robot
4. Steampunk
5. Utopie e Distopie
6. Ucronia – sono tecnicamente delle What If? Ovvero cosa sarebbe successo se un determinato evento fosse andato diversamente, tipo quel libro di King in cui non ammazzano Kennedy. O universi paralleli in cui le cose sono andate diversamente.
7. Viaggi nel tempo
8. Xenofiction – quando i protagonisti appartengono a una razza diversa da quella umana

Altri sottogeneri che esistono, ma non ho nominato perché di difficile utilizzo in quanto pertinenti a un’evoluzione letteraria e sociale del genere oppure perché ibridati o perché sottogeneri di sottogeneri:
1. Fantascienza New Wave
2. Post cyberpunk – Biopunk – Nanopunk – sottogeneri del cyberpunk
3. Techno Thriller – contaminazioni thriller
4. Science fantasy (Sword & Planet) – contaminazioni fantasy, la storia non ha quasi più base scientifica e molti elementi sono palesemente fantastici
5. Horror fantascientifico
6. Fantawestern
8. Space opera Militare (Starship Troopers per capirsi)

Allego il link alla pagina dei generi di Wikipedia che è fatta non bene, di più, e mette anche le principali tematiche o le tematiche ricorrenti dei generi, collegando tutto molto bene:

Wikipedia – Fantascienza: Generi e filoni

 

Annunci

Un pensiero su “Un’infarinatura di Fantascienza

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...